Guaranà per combattere la stanchezza fisica e mentale

Immagine contenuto
casa ufficio

Quando siamo fortemente messi alla prova da circostanze stressanti o stanchi a causa del cambio di stagione e ci troviamo in una situazione di affaticamento psicofisico, può essere utile assumere sostanze naturali con proprietà toniche e stimolanti che restituiscano forza ed energia all’organismo. A questo scopo è utilissimo il guaranà.

 

Origine del guaranà

Il guaranà (Paullinia cupana) è una pianta originaria della foresta pluviale amazzonica che produce piccoli frutti di colore rosso intenso, all’interno dei quali sono contenuti i semi ricchi di caffeina. I semi del guaranà contengono più caffeina di qualsiasi altra pianta, circa quattro volte più dei semi del caffè. Per questa peculiare caratteristica il guaranà viene coltivato e i suoi semi vengono lavorati allo scopo di ottenere un tonico energizzante.

Il guaranà è sempre stato considerato dagli indios dell’Amazzonia un frutto sacro, un autentico elisir di lunga vita. Molte tribù lo utilizzavano per aumentare la resistenza fisica e curare diverse malattie.

Bevande a base di guaranà sono tradizionalmente utilizzate per l’effetto:

        tonico

        fortificante

        stimolante

        afrodisiaco

        febbrifugo

        antidolorifico, per trattare l’emicrania

        diuretico

 

Principi attivi del guaranà: non solo caffeina

Tradizionalmente si riteneva che gran parte degli effetti stimolanti del guaranà dipendessero dal suo contenuto di caffeina ma in realtà, dall’analisi dei dati scientifici più recenti, emerge che i suoi effetti sulla funzione cognitiva e sull’innalzamento del tono dell’umore non possono essere spiegati solo dalla presenza della caffeina.

I semi del guaranà contengono anche altre molecole (tannini, resine, proteine, grassi e saponine) che gli conferiscono peculiari proprietà.

Gli effetti stimolanti del guaranà sono più duraturi di quelli del caffè e ciò viene attribuito al fatto che nel guaranà la caffeina si lega ai tannini (polifenoli con proprietà astringenti presenti anche nell’uva e nel vino rosso).

Inoltre, il guaranà contiene tracce di teobromina e teofillina, due xantine (simili alla caffeina) che nell’uomo stimolano il sistema nervoso centrale, aumentano le secrezioni dello stomaco, favorendo la digestione, hanno azione broncodilatatrice e diuretica

Effetti stimolanti sul sistema nervoso centrale

Attualmente tutti i meccanismi per mezzo dei quali il guaranà determina effetti benefici sul sistema nervoso centrale non sono ancora stati chiariti nei dettagli, ma si conoscono nei dettagli gli effetti attivanti della caffeina.

 

Effetti benefici sull’umore: la caffeina

Studi clinici e preclinici hanno dimostrato che la caffeina ha effetti benefici sull’umore e sulle funzioni cognitive. La caffeina si lega infatti a particolari recettori nel cervello modulando l’azione di alcuni neurotrasmettitori e generando un effetto stimolante nell’organismo.

Da studi in vitro e in vivo sul modello animale sappiamo che la caffeina è un antagonista dei recettori per l’adenosina, cioè si lega a questi recettori e li blocca. Questo provoca la modulazione del rilascio di dopamina e glutammato.

Il glutammato è il principale neurotrasmettitore eccitatorio del sistema nervoso centrale, mentre l'acido γ-amminobutirrico (GABA) è il principale neurotrasmettitore inibitorio.

La dopamina è il neurotrasmettitore del sistema dopaminergico. Quest’ultimo è coinvolto nel controllo del tono dell’umore, in alcune funzioni cognitive e in alcuni aspetti comportamentali. Studi sugli animali e sull’uomo hanno dimostrato che l’esposizione alla caffeina induce cambiamenti nel sistema dopaminergico.

La caffeina, somministrata ad animali da laboratorio, può aumentare la concentrazione di glutammato nel cervello, può portare ad un rafforzamento del sistema dopaminergico e allo stesso tempo può ridurre l’attività dei recettori GABA. Questi effetti nel complesso possono condurre ad un incremento delle prestazioni del sistema nervoso centrale.

Inoltre, negli studi condotti sugli animali la caffeina ha mostrato effetti neuroprotettivi.

Studi clinici sull’uomo hanno evidenziato che un moderato consumo di caffeina attenua i sintomi della depressione, accentua l’attenzione e migliora la memoria

 

Effetti benefici sull’umore: il guaranà

Secondo l’uso tradizionale, l’assunzione di guaranà migliora il tono dell’umore, con un effetto simile a quello della caffeina e con ulteriori effetti energizzanti e di miglioramento dello stato di benessere generale. Ciò fa sospettare che i benefici del guaranà vadano oltre quelli che possono essere attribuiti al suo contenuto di caffeina.

In lavori su animali il guaranà ha mostrato un lieve effetto antidepressivo. Il miglioramento del tono dell’umore è stato dimostrato anche grazie a uno studio clinico in doppio cieco, controllato con placebo su esseri umani.

In quest’ultimo caso l’estratto di guaranà utilizzato aveva bassi livelli di caffeina e i miglioramenti nel tono dell’umore, analizzati con un’apposita scala, non possono essere spiegati solo per mezzo dei pochi mg di caffeina assunti dai soggetti, ma sicuramente dipendono dalla combinazione della caffeina con altre molecole presenti nell’estratto del guaranà.

 

Altre proprietà del guaranà

Recentemente sono stati condotti studi clinici per investigare gli effetti del guaranà sulle funzioni cognitive.

È prematuro trarre conclusioni definitive ma quello che i lavori sembrano suggerire è che gli effetti benefici sulle funzioni cognitive non dipendano solo dal contenuto di caffeina.

In particolare, sembra che il Guaranà migliori l’attenzione e aumenti le performance cognitive: si nota l’incremento della velocità con la quale sono stati svolti i test cognitivi e il miglioramento dei risultati degli stessi.

Inoltre, si nota la riduzione della sensazione di fatica soggettiva.

Infine, in adulti sottoposti ad un notevole sforzo mentale, una singola dose di guaranà è stata in grado di ridurre significativamente la stanchezza mentale.

Studi in vivo su animali hanno mostrato effetti positivi sulla memoria.

I semi di guaranà hanno dimostrato di possedere, in appropriati studi condotti in vitro, una forte attività antiossidante.

 

Conclusioni

Situazioni molto stressanti che perdurano nel tempo o eventi particolari come il cambio di stagione provocano in molte persone stanchezza fisica e mentale. Per combatterle è utile assumere sostanze con proprietà toniche e stimolanti come il guaranà.

Il guaranà attualmente è molto in voga ed è presente in numerosi energy drinks che però possono contenere alte dosi di caffeina e di zuccheri dannose per la salute.

Per tenere sotto controllo il consumo di caffeina e godere degli effetti energizzanti del guaranà è consigliabile assumere integratori alimentari che ne contengono dosaggi controllati. Inoltre, negli integratori alimentari l’estratto di questa pianta è spesso associato ad altri principi attivi naturali, efficaci contro lo stress.

E’ bene ricordare che gli integratori contenenti guaranà vanno sempre utilizzati seguendo i dosaggi raccomandati e non vanno assunti da bambini, donne in gravidanza e in durante l’allattamento.

 

 

Fonti:

Nigel Smith, André Luiz Atroch. Guaraná's Journey from Regional Tonic to Aphrodisiac and Global Energy Drink. Evid Based Complement Alternat Med. 2010 Sep; 7(3): 279–282

Lesley Braun, Marc Cohen. Herbs and Natural Supplements, Volume 2, 4th Edition An Evidence-Based Guide

Fawaz Alasmari. Caffeine induces neurobehavioral effects through modulating neurotransmitters. Saudi Pharm J. 2020 Apr; 28(4): 445–451.